Suggerimenti

MODI E TEMPI DI CONGELAZIONE


Ogni alimento congelato ha il suo modo e tempo di conservazione. Ecco qui di seguito come si congelano determinati alimenti e per quanto tempo possono essere conservati nel freezer prima del loro utilizzo:



LA CARNE FRESCA:


- l'agnello a tagli piccoli dura 8 mesi
- il maiale arrosto dura 5 mesi
- le braciole di maiale durano 4 mesi
- il manzo lesso e il roastbeef durano 10 mesi
- il manzo, le bistecche, le costate e lo spezzatino durano 8 mesi
- il vitello arrosto dura 8 mesi
- le bistecche e i nodini di vitello durano 10 mesi
- la carne macinata dura 4 mesi
- le frattaglie durano 3 mesi
- le salsicce durano 2 mesi

Si consiglia la completa scongelazione prima di cucinare la carne per evitare che cuocia piu' velocemente esternamente che all'interno, fatta eccezione per le fettine impanate, che possono essere messe a cottura direttamente con fiamma medio/bassa, e per le carni lesse.

Per la congelazione delle polpette di macinato di carne :
preparare le polpette, senza cuocerle; distribuirle quindi in un solo strato su un vassoio di cartone per alimenti (per evitare che si attacchino una con l'altra) e metterle cosi' a congelare nel freezer; una volta congelate, toglierle dal vassoio e conservarle dentro gli appositi sacchetti; prima di essere cucinate, si devono scongelare.

Per la congelazione delle fettine di carne impanata:
preparare le fettine impanate, senza cuocerle; distribuirle quindi su un vassoio di cartone per alimenti separandone gli strati con un foglio di pellicola da cucina (per evitare che si attacchino una con l'altra) e metterle cosi' a congelare nel freezer; una volta congelate, toglierle dal vassoio e conservarle dentro gli appositi sacchetti; per essere cucinate, non devono essere scongelate: possono essere cotte anche direttamente in forno, per una ventina di minuti, dopo essere state leggermente spruzzate d'olio da ambo le parti e averle adagiate su una teglia foderata con carta da forno (voltandole naturalmente a meta' cottura).


GLI ANIMALI DA CORTILE:


- l'anatra dura 4 mesi
- il coniglio dura 6 mesi
- la gallina da brodo dura 7 mesi
- l'oca dura 4 mesi
- il pollo dura 10 mesi
- il tacchino dura 6 mesi
- le frattaglie durano 3 mesi

(Prepararli spennati, spellati, sventrati, eventualmente tagliati a pezzi,
lavati ed asciugati).


LA SELVAGGINA:


- l'anatra selvatica dura 8 mesi
- la beccaccia dura 8 mesi
- il fagiano dura 8 mesi
- la lepre dura 6 mesi
- la pernice dura 8 mesi
- la quaglia dura 8 mesi

(Prepararla spennata, spellata, sventrata, eventualmente tagliata a pezzi, lavata ed asciugata).


IL PESCE:


- la carpa dura 2 mesi
- il luccio dura 2 mesi
- il rombo dura 2 mesi
- il salmone dura 2 mesi
- lo sgombro dura 2 mesi
- la tinca dura 2 mesi
- la trota dura 2 mesi

(Dopo essere squamato, sviscerato, tolta la testa, lavato ed asciugato).


- l'orata dura 3 mesi
- la sogliola dura 3 mesi

(Dopo essere spellato, sviscerato, tolta la testa, lavato, immerso in acqua fredda salata per 30 secondi ed asciugato).


LA VERDURA:

- gli asparagi, dopo essere mondati, lavati ed asciugati durano 12 mesi
- i cavoli e i cavolfiori, dopo essere puliti, tagliati e divisi in cimette, ed asciugati durano 6 mesi
- i carciofi, dopo averli mondati, scottati per 6 minuti in acqua acidulata con limone (cosė non anneriscono) ed asciugati, durano 12 mesi
- i fagioli, sgusciati, durano 12 mesi
- i fagiolini, dopo essere stati lavati, privati dei piccioli ed asciugati durano 12 mesi
- i funghi, dopo essere puliti, scottati per 2 minuti in acqua acidulata con limone (cosė non anneriscono) ed asciugati, durano 12 mesi
- le melanzane, dopo essere state mondate e tagliate, durano 12 mesi
- i piselli, dopo essere sgranati, congelati disposti in un unico strato e poi impacchettati, durano 12 mesi
- il prezzemolo ed il basilico, dopo essere stati lavati ed asciugati, durano 8 mesi
- gli spinaci, dopo essere lavati e scottati per 2 minuti, durano 12 mesi
- il minestrone, dopo aver lavato, asciugato e tagliato a pezzi le verdure, dura 12 mesi.


Nei mesi estivi si possono preparare con le verdure fresche dei minestroni gia' pronti da utilizzare poi durante l'inverno: mondare, lavare, asciugare e tagliare a pezzettini le verdure (carote, zucchine, sedano, ecc.); chiuderle negli appositi sacchetti di plastica avendo cura di eliminarne tutta l'aria dall'interno e sistemarle nel freezer. Al momento dell'utilizzo, bastera' aggiungere, a piacere, fagioli e/o piselli surgelati e le patate fresche(che e' meglio non congelare perche' anneriscono).


Settembre e' il mese giusto per congelare il basilico ed esserne cosi' provvisti tutto l'inverno : lavare accuratamente le foglie e metterle ad asciugare su un telo pulito all'aria; preparare quindi dei mazzetti "monodose" di cinque-sei foglie ciascuno, avvolgerli nella carta di alluminio per alimenti e sistemarli in freezer all'interno di un contenitore di plastica.

Si consiglia, per non perdere nell'acqua vitamine e minerali, di scottare le verdure mediante cottura a vapore; non si deve cosi' attendere che siano asciutte per poterle congelare, ma sara' sufficiente che raffreddino.

La verdura, in generale, e' migliore se posta direttamente in cottura senza essere scongelata; ridurre opportunatamente i tempi di cottura tenendo conto della bollitura subita prima della congelazione.


IL BURRO ED IL FORMAGGIO:


- il burro, diviso a pezzi per un consumo settimanale, si conserva 8 mesi
- i formaggi duri (es. parmigiano), divisi a pezzi per un consumo settimanale, durano 8 mesi
- gli altri formaggi, divisi a pezzi per un consumo settimanale, durano 4 mesi.


IL PANE:


Si conserva per 2 mesi.

Scongelare in forno a 50° mettendo il pane prima di accendere la fiamma.


Lo scongelamento va fatto in frigorifero facendo attenzione alla condensa che logicamente si formera' su questi prodotti.










04/05/2010
Copyright © 1994-2017 Ricetteecooking