INGREDIENTI
(dosi per circa 10 panini):
  • 600 g. di farina 0
  • 300 ml. di acqua tiepida
  • 12,5 g. di lievito di birra fresco
  • Un cucchiaino raso di sale
  • ½ cucchiaino di zucchero

PANE ARABO (PITA)

Sbriciolare il lievito di birra in un bicchiere, aggiungervi un pochino d'acqua tiepida e scioglierlo mescolando con un cucchiaio.

Mettere la farina a fontana sul piano di lavoro e sistemarvi al centro il lievito; amalgamarlo alla farina ed unirvi quindi, piano piano, l'acqua rimasta alla quale sara' stato precedentemente messo il sale e lo zucchero.

Lavorare bene il tutto con le mani per circa 10 minuti fino ad ottenere un impasto morbido, omogeneo e che non si attacca piu' al piano di lavoro.

Formare una palla, coprirla con un telo leggermente infarinato e lasciarla lievitare in un luogo tiepido e privo di correnti d'aria per un'ora: dovra' raddoppiare di volume.

Trascorso questo tempo, dividere l'impasto in tante palline di circa 70 g. l'una e stenderle con il matterello fino ad ottenere delle sfoglie sottili (dello spessore circa di 4 mm.) da sistemare su un foglio di carta forno; coprirle con il telo e farle lievitare nuovamente per circa 30 minuti.

Trascorso questo tempo, cuocere il pane:

- in forno caldissimo a 250° per 10 minuti circa, sistemato direttamente sulla placca del forno rovente e bagnandone prima la superficie con un po' d'acqua;

- oppure, in una padella antiaderente dal fondo spesso a fiamma medio-bassa e senza olio, avendo cura di voltarlo spesso.



N.B.:
Una volta cotto, il pane arabo va sistemato in un sacchetto di carta e richiuso quindi in una busta di plastica: in questo modo rimarra' umido e morbido. Si conserva cosi' sino a tre giorni.

Nel caso dovesse seccarsi, puo' essere rinvenuto spruzzandovi un po' d'acqua e riscaldandolo quindi in forno o sotto il grill.

Il pane arabo puo' essere tagliato a meta' e farcirne la tasca a piacere.








Il pane arabo (detto anche "pita") e' un piccolo pane rotondo, piatto e vuoto all'interno tipico della cucina medio-orientale e dell'Africa mediterranea (da non confondersi con il pane azzimo, tipico della tradizione ebraica, che e' invece privo di lievito). E' proprio l'alta temperatura con la quale viene cotto che lo fa gonfiare velocemente, creando al suo interno una sorta di tasca, ottima per le farciture. I ripieni tipici sono i "falafel" (polpette di fave) e l'"hummus" (purea di ceci); viene anche servito arrotolato a forma di cono, chiuso in basso e riempito con del Kebab. Quando e' secco, puo' essere spezzettato, tostato in padella e, un volta raffreddato, amalgamato ad un'insalata di verdure ("fattoush").

Pane arabo (pita)

31/10/2013
Copyright © 1994-2021 Ricetteecooking