INGREDIENTI:
  • Per la pasta:
  • 500 g. di farina
  • 12,5 gr di lievito di birra fresco (mezzo panetto da 25 g.)
  • cucchiaio raso di sale fino
  • cucchiaio di margarina
  • 250 g. d'acqua tiepida (due bicchieri e circa)
  • Olio q.b. per friggere
  • Per il condimento :
  • Passato di pomodoro q.b.
  • Mozzarella q.b.
  • Sale fino q.b.
  • Olio q.b.
  • Origano q.b. (facoltativo)
  • Oppure :
  • Prosciutto cotto q.b.
  • Mozzarella q.b.
  • Sale fino q.b.
  • Olio q.b.

CALZONI

Sciogliere il lievito di birra in cinque cucchiai d'acqua tiepida (la temperatura non deve essere ne' troppo bassa, altrimenti il lievito non avra' la spinta giusta per far gonfiare la pasta, e ne' troppo alta, altrimenti i fermenti vivi contenuti nel lievito stesso vengono uccisi); aggiungere 80 g. di farina e lasciare riposare per un'ora in un ambiente tiepido.

Versare quindi la rimanente farina a fontana, mettere al centro il panetto lievitato e versarvi lentamente due bicchieri d'acqua tiepida in cui sara' stato sciolto il sale (con questo procedimento il sale non viene messo a contatto diretto con il lievito, in quanto ne brucerebbe le cellule e lo renderebbe meno attivo).

Aggiungervi la margarina, e terminare la lavorazione sul piano da lavoro infarinato piuttosto energicamente con le mani, finche' non si attacca piu' al piano di lavoro (almeno 10 minuti sollevandolo e facendolo ricadere con forza sul piano di lavoro, allungandolo e ricomponendolo a palla: ripetere ognuna di queste operazioni varie volte); la pasta e' pronta quando risultera' liscia e vellutata e mostrera' delle bolle d'aria.

Modellare quindi l'impasto a palla e sistemarlo in una capiente ciotola infarinata; incidere la palla superficialmente con un taglio a croce e, dopo aver coperto la ciotola con un telo umido, sistemarla in un luogo tiepido finche' l'impasto non sia raddoppiato di volume: occorrono due-tre ore, a seconda della stagione (se la cucina e' fredda, cio' puo' compromettere la lievitazione: in questo caso, scaldare il forno a 200, spegnerlo e dopo aver aspettato 10 minuti affinche' si sia intiepidito, introdurre la ciotola con l'impasto tenendo quindi il forno chiuso); per controllare quando l'impasto e' pronto, infilarci un dito: se rimane l'impronta la lievitazione e' terminata.

Trascorso questo tempo, lavorare nuovamente la pasta sul tavolo leggermente infarinato per altri cinque minuti e ricavarne quindi delle palline che poi debbono essere spianate con il matterello; su una meta' dei dischetti cosi' ottenuti (di circa dieci cm. di diametro), disporre il condimento e chiudere quindi il tutto premendo leggermente sui bordi; si otterranno cosi' dei grossi "ravioli" pronti per essere fritti in abbondante olio caldo.

Raggiunta una leggera doratura da entrambe le parti, togliere dal fuoco i panzerotti ed appoggiarli su un paio di strati di carta assorbente da cucina per eliminare l'olio in eccesso.


N.B.:
Per una versione "light", si possono cuocere in forno a 180 per 20 minuti, posti sulla placca del forno in cui precedentemente sara' stata sistemata della carta da forno bagnata e ben strizzata.

Calzoni

07/10/2004
Copyright © 1994-2016 Ricetteecooking