Suggerimenti

IL MANGO


Mango Il mango (Mangifera indica) e' un albero sempreverde appartenente alla famiglia delle Anacardiaceae di origine indiana ed attualmente coltivato in quasi tutti i paesi tropicali (Brasile, Peru', Venezuela, Sud Africa, Costa d'Avorio ed altri paesi dell'Africa occidentale). Le foglie sono lanceolate e lucide, i fiori di colore rosa e giallo; il frutto ha le dimensioni molto variabili (quelli in commercio solitamente hanno un peso che varia dai 200 ai 500 g., ma puo' arrivare anche ad un kg. di peso), ha una forma tondeggiante e la buccia passa dal verde al rosso fino ad assumere una colorazione giallo intensa quando raggiunge il pieno della maturazione. La polpa, al cui interno si trova un nocciolo piatto e piuttosto duro, e' succosa e profumata e dal colore giallo-arancio. Il gusto e' acidulo e al contempo dolce ed aromatico, un mix tra l'ananas e l'albicocca. Esistono diverse varieta' di mango (come ad esempio la "Tommy Atkins", l'"Haden", la "Kent" e la "Keitt"), ma principalmente si distingue quella indiana, di forma tonda ed irregolare, e quella indocinese, piu' appiattita ed allungata.

E' presente sul mercato tutto l'anno, e nell'acquistarlo occorre fare attenzione che la buccia sia priva di macchia ed appena cedevole al tatto; deve essere consumato a maturazione completa, altrimenti il sapore potrebbe risultare decisamente sgradevole. Si conserva a temperatura ambiente fino a quando non diventa morbido (se e' gia' giunto a maturazione, si mantiene nella parte meno fredda del frigorifero per un paio di giorni).

In cucina si consuma al naturale, ma si presta anche per la produzione di confetture, succhi e sorbetti. Puo' essere aggiunto nelle macedonie o nelle torte di frutta fresca, ma e' ottimo anche in insalata come accompagnamento ai gamberi. In Oriente e' uno dei componenti del "chutney", una preparazione simile alla marmellata ma molto speziata che viene servita generalmente come condimento insieme al pollo al curry o a carni grigliate. Il mango si prepara nel seguente modo:

1) si taglia a meta', vicino al nocciolo, in modo da ottenere almeno due fette spesse;
2) si praticano dei tagli paralleli in senso verticale e poi in senso orizzontale;
3) si staccano quindi i quadratini ottenuti con una forchetta o con un coltello, oppure
4) si presenta il frutto ripiegato sulla sua buccia e aperto come un fiore
5) con un coltello si stacca quindi la polpa rimasta intorno al nocciolo, che va sbucciata e tagliata a fettine.











Per quanto riguarda le virtu' terapeutiche, il mango e' un frutto ricco di betacarotene, vitamina A e C, calcio e potassio; e' quindi ottimo per chi soffre di anemia, ha un forte potere antiossidante e potenzia notevolmente le difese immunitarie; possiede inoltre proprieta' antibiotiche, diuretiche e lassative; contenendo una discreta quantita' di zuccheri e' anche decisamente nutriente: per questo motivo, e' pero' da evitare se si soffre di disturbi renali, intestinali e di diabete. L'apporto calorico e' di 60 kcalorie ogni 100 g. di prodotto.

13/08/2006
Copyright © 1994-2014 Ricetteecooking