Suggerimenti

IL FRUTTO DELLA PASSIONE



Il frutto della passione e' il frutto di una pianta erbacea rampicante che raggiunge anche i 10 metri d'altezza (Passiflora edulis) appartenente alla famiglia delle Passifloracee e coltivata anche a scopo ornamentale. Il nome gli fu dato dai missionari spagnoli che, vedendo i grandi e splendidi fiori bianchi dal centro rosa o viola per la prima volta, gli riconobbero nella forma i simboli della passione di Cristo: nei tre steli si vedono infatti i chiodi della crocifissione, mentre gli stami rappresentano le piaghe di Gesu', circondati dalla corona di spine; il ricettacolo sarebbe il calice ed i petali le vesti del Signore. Di questo frutto ne esistono due varieta': la "Granadilla", dalla buccia color giallo-arancio brillante, e la "Maracuja", dalla buccia color rosso-violetto.

Originario dell'America del Sud, ha le dimensioni di una piccola pesca leggermente ovoidale, dalla buccia liscia e sottile che, con la maturazione, tende a raggrinzirsi. Il nome di questo frutto deriva dal termine spagnolo "granata", cioe' melograno, in virtu' del fatto che la parte commestibile di entrambi e' molto simile; infatti, e' composta da una serie di semi tenuti insieme da una gelatina succosa dall'inconfondibile profumo; il gusto e' dolce con una nota acidula. Rispetto alla qualita' brasiliana o sudamericana, quello coltivato nell'Australia settentrionale, dal clima piu' caldo, ha un sapore meno acidulo, piu' delicato e gustoso.

E' presente sul mercato quasi tutto l'anno; quando si acquista, la polpa deve essere profumata e piuttosto cedevole al tatto; la buccia corrugata sta a significare che il frutto e' maturo. Se si acquista ancora piuttosto acerbo, puo' essere conservato a temperatura ambiente anche per una settimana, se maturo, nella parte meno fredda del frigorifero per un paio di giorni. In cucina, si consuma al naturale, tagliato a meta' e spolpato con un cucchiaino. E' molto buono mescolato allo yogurt bianco e nei frullati tipicamente esotici; si presta anche per la preparazione di marmellate e di gustosi cocktail profumati; il succo centrifugato e' ottimo per aromatizzare arrosti di maiale o di pollo.

Per quanto riguarda le proprieta' nutrizionali, il frutto della passione e' un vero e proprio concentrato di energia: e' ricco di zuccheri, vitamina A (molto utile per la vista), B, C ed E; di sali minerali quali il ferro, il fosforo e soprattutto il potassio (un solo frutto contiene in media quello di due-tre banane). E' percio' ottimo per chi soffre di ritenzione idrica e di gastrite e colite, ed e' utile a prevenire le malattie cardiovascolari, l'esaurimento nervoso e alcuni tipi di tumori; possiede anche proprieta' antiossidanti. Le tribu' indigene del Rio delle Amazzoni lo usano come sedativo ed antidolorifico. E' pero' abbastanza calorico: 100 g. di polpa forniscono circa 90 kcalorie.

13/08/2006
Copyright © 1994-2014 Ricetteecooking