INGREDIENTI:
  • 150 g. di mandorle sgusciate
  • 150 g. di nocciole sgusciate
  • 50 g. di pinoli sgusciati
  • 50 g. di uvetta sultanina
  • 200 g. di scorza di cedro ed arancia candita a dadini
  • 150 g. di miele
  • 135 g. di zucchero
  • 130 g. di farina
  • Uno-due limoni non trattati
  • 20 g. di burro

CROCCANTE MORBIDO DI MIELE E FRUTTA SECCA

Ammollare l'uvetta 20 minuti in acqua tiepida; scolarla, strizzarla e asciugarla con carta da cucina.

Foderare una placca con un foglio di carta da forno e ungerlo con il burro fuso.

Versare in un tegame antiaderente lo zucchero, il miele e la scorza grattugiata del limone; fare prendere bollore e unirvi le mandorle; lasciare cuocere due minuti mescolando ed aggiungere quindi le nocciole, proseguendo la cottura per altri due minuti.

Versare quindi nella padella l'uvetta, i pinoli ed il cedro con l'arancia candita, mescolare bene e iniziare ad incorporare 4 cucchiai rasi di farina, uno alla volta (il composto dovrà prendere una certa consistenza), mescolando continuamente per circa 8 minuti in tutto a fuoco moderato.

Ammucchiare la farina rimasta al centro della placca preparata e versarvi sopra il composto bollente, lasciandolo raffreddare per mezz'ora.

Trascorso questo tempo, amalgamare il mix di frutta secca con la farina, facendolo inizialmente (quando il composto risulta ancora caldo) con una spatola e proseguendo poi direttamente con le mani (durante questa fase, tenere vicino al piano di lavoro una ciotola d’acqua fredda per inumidire di tanto in tanto sia la spatola che le mani, così non si attaccano all'impasto).

Una volta che la farina si è ben assorbita modellare il composto così da dargli una forma rettangolare (con questa dose si possono realizzare due stecche di circa 28x9 centimetri).

Lasciare asciugare sei ore a temperatura ambiente (si può preparare la sera prima e lasciare riposare tutta la notte).

Trascorso questo tempo, scaldare il forno a 160° ed infornare la teglia per circa 20-25 minuti (controllare la cottura: il dolce non deve colorarsi troppo).

Una volta raffreddato, trasferire il croccante su un piatto di portata.



N.B.:
In alternativa, si può dare al dolce la forma di una corona. In questo caso, rivestire con un foglio di alluminio un barattolo di latta vuoto del diametro di 6-7 cm. al quale precedentemente sarà stata tolta ovviamente l'etichetta di carta (può essere utilizzato ad esempio quello del passato di pomodoro); spennellare la superficie con il burro e tenerlo da parte. Una volta incorporata tutta la farina al mix di frutta secca, allargare il composto al centro e posizionarvi il barattolo di latta, così da ottenere una corona. Procedere quindi come da ricetta con il riposo e la cottura. Appena sfornata, proteggendo la mano con un guanto da forno, sfilare immediatamente dal centro il cilindro di latta, aiutandosi per scollarlo con la lama di un coltello bagnata in acqua fredda. Sempre con la lama del coltello, lisciare quindi la superficie della corona sia all'esterno che al foro centrale ricompattandone eventualmente i contorni e lasciare raffreddare.

Per il particolare contenuto di frutta secca e canditi, questo dolce può essere realizzato in occasione delle feste di Natale, e potrebbe diventare anche un'originale idea regalo. Se la forma è a corona, si può guarnire il centro con una coccarda rossa ed incartarlo quindi con un foglio trasparente (tipo quelli usati per confezionare i cesti natalizi), legandone l’estremità con del nastro rosso. In alternativa, il foro centrale può essere riempito anche con datteri e fichi secchi ricoperti di cioccolato.

A piacere, si possono sostituire 100 g. di canditi con 100 g. di gherigli di noci.

E' un dolce che può essere preparato con molti giorni di anticipo; grazie alla presenza di zucchero e miele si conserva anche per più di un mese, avvolto in pellicola da cucina o carta da forno in un luogo non troppo caldo e asciutto.

Croccante morbido di miele e frutta secca


Corona di miele e frutta secca


Corona di miele e frutta secca


Corona di miele e frutta secca

02/12/2009
Copyright © 1994-2020 Ricetteecooking