INGREDIENTI
(dosi per 2 persone):
  • 50 g. di avena in fiocchi o tritata
  • 330 g. di bevanda di mandorle senza zuccheri aggiunti
  • Una banana
  • Due prugne essiccate snocciolate
  • Un cucchiaio di sciroppo d’acero
  • Vanillina q.b.
  • Semi di chia q.b.

PORRIDGE CON BANANA CARAMELLATA

Versare la bevanda di mandorle in un pentolino antiaderente, aggiungervi l’avena ed aromatizzare il tutto con un cucchiaino di sciroppo d’acero ed un pizzico di vanillina.

Amalgamare tutti gli ingredienti con un cucchiaio e trasferire quindi il pentolino sul fuoco.

Portare ad ebollizione e proseguire la cottura a fiamma bassa, mescolando di tanto in tanto per evitare che la preparazione si attacchi sul fondo (per circa 10 minuti se si tratta di avena in fiocchi o per 2-3 minuti se invece è tritata); in ogni caso, tenerla sul fuoco fino a raggiungere la consistenza desiderata: più si prolunga la cottura, più il liquido evapora e più la preparazione si addensa (considerare comunque che, raffreddandosi, tenderà a rapprendersi ancora un po’).

Dividere i fiocchi d’avena in due ciotole e tenerle da parte.

Sbucciare la banana e tagliarla a fettine, sistemandole man mano in un unico strato su una padella antiaderente.

Aggiungere un cucchiaino di sciroppo d’acero e trasferire la padella sul fuoco per una paio di minuti circa, avendo cura di cuocere le fettine di banane da ambo le parti fino a quando la loro superficie avrà raggiunto una leggera colorazione dorata.

Distribuirle nelle due ciotole e completare quindi la preparazione sistemandovi anche le prugne tagliate precedentemente a fettine ed una spolverata di semi di chia.



N.B.:
Le dosi indicate nella ricetta dello sciroppo d’acero si possono modificare in quantità maggiore o minore a seconda dei propri gusti personali.

Per una variante ancora più golosa, alle fettine di banana si possono aggiungere in alternativa gocce o scaglie di cioccolato fondente, un cucchiaio di burro di arachidi e frutta secca o semi a piacere.

Per la preparazione del Porridge l’avena tritata è da preferirsi, in quanto ha una cottura più breve e dà alla preparazione finale una particolare cremosità; si trova confezionata nei supermercati più forniti. In alternativa, l’avena in fiocchi si può tritare con un mixer ed ottenere così lo stesso risultato. Esiste in commercio anche l’avena certificata senza glutine per chi è celiaco.

La parte liquida del Porridge può essere costituita a piacere anche da latte intero o totalmente scremato, da una qualsiasi altra bevanda vegetale (ad esempio di soia, di avena o di riso) o, più semplicemente, da acqua. Si può anche dimezzare la dose della bevanda scelta e completarla allungandola con acqua.

Quando si acquista una bevanda vegetale prestare sempre attenzione all'etichetta ed optare preferibilmente per prodotti che non contengano zuccheri od altri ingredienti come ad esempio il sale e l’olio, aggiunti soltanto allo scopo di renderla più gustosa. Ecco perché in questa ricetta, optando per una bevanda vegetale priva di questi ingredienti, è prevista l’aggiunta di un dolcificante, di spezie ed aromi (quantità e combinazioni possono variare a seconda dei gusti personali), al fine di dare alla preparazione un risultato finale comunque aromatico e particolarmente squisito. Lo sciroppo d’acero può essere sostituito anche con zucchero bianco, zucchero di canna o miele.

Il Porridge si può anche cuocere in anticipo e, una volta raffreddato, si conserva in frigorifero fino a 5 giorni chiuso in una ciotola od un contenitore ermetico; all’occorrenza, basta semplicemente completarlo con la guarnizione desiderata. Si può consumare sia caldo che freddo.





Il Porridge rappresenta la tradizionale colazione anglosassone. La base ha un sapore praticamente neutro che ben si adatta a molte combinazioni. Il Porridge può cambiare inserendo ingredienti diversi a seconda dei gusti e della fantasia, sia all'interno della ricetta base (ad esempio, per una variante al gusto cioccolato si può mettere un cucchiaio di cacao in polvere) che sopra come topping, mixando a scelta frutta fresca (come mele, banane, fragole e frutti di bosco), frutta secca o disidratata e bacche (come mandorle, noci, noci di Macadamia, uva passa, bacche di Goji) semi (ad esempio di Chia, di zucca, di sesamo e di lino), creme e burro (come la crema di nocciola, il burro di arachidi e quello di mandorle) confetture e marmellate. Esistono in commercio anche dei mix già pronti per l’uso.
Il Porridge è un’ottima idea per una colazione alternativa al classico latte e biscotti o cornetto e cappuccino. A seconda degli ingredienti aggiunti, il suo valore nutrizionale può ovviamente cambiare; di base, è un’ottima fonte di proteine di buon valore biologico e di fibre che garantiscono una regolarità della funzione intestinale. Inoltre, possiede un indice glicemico medio ed ha un elevato potere saziante che permette all'organismo di arrivare all'ora di pranzo senza avvertire lo stimolo della fame; per questo motivo, può essere inserito anche all'interno di un regime dietetico per tenere sotto controllo il peso.

Porridge con banana caramellata

23/02/2024
Copyright © 1994-2024 Ricetteecooking