Suggerimenti

COME CONGELARE IL LIEVITO DI BIRRA IN CUBETTI MONOPORZIONE


Il lievito di birra fresco che si trova in commercio è di due formati: quello piccolo da 25 grammi e quello grande da 500 grammi.

Spesso la quantità da usare per un impasto è davvero irrisoria: da uno a tre grammi per kg. di farina; e quello che rimane, spesso, finisce per dover essere buttato.

Il lievito di birra fresco, infatti, ha una data di scadenza piuttosto breve e spesso, nonostante non sia ancora giunto a scadenza, pur tenendolo in frigorifero, si adultera facilmente cambiando colore o sviluppando muffe; questo perché una volta aperto, il lievito entrando in contatto con l’aria inizia comunque a perdere freschezza ed efficienza.

Per ovviare a ciò ed avere il lievito di birra sempre disponibile all'occorrenza, l’unico sistema è quello di congelarlo: si conserva in freezer oltre 4 mesi dopo la data di scadenza senza perdere in alcun modo efficacia.

Si raccomanda comunque di effettuare la congelazione in concomitanza con la prima apertura ed il primo utilizzo (proprio perché come detto prima, a contatto con l’aria comincia il processo dell’invecchiamento) o, ancora meglio, appena acquistato, quando ancora è piuttosto lontana la sua data di scadenza.

Per congelare il lievito, basta tagliare il panetto in cubetti, dividendolo in porzioni approssimativamente dello stesso peso.

Per pesare delle dosi così piccole occorre una bilancia di precisione, ma si può comunque ovviare al problema procedendo manualmente con una serie di divisioni successive nel seguente modo:
aprire il panetto da 25 grammi e senza toglierlo dalla carta dividerlo prima a metà nel verso del lato più lungo, ottenendo così due pezzi da 12,5 grammi ognuno; a questo punto, con due tagli paralleli al primo taglio, dividere ogni pezzo ulteriormente a metà, ottenendo 4 pezzi, ognuno di circa 6 grammi.
Dividendo ogni pezzo ancora in due parti si avranno dei cubetti ognuno del peso approssimativo di 3 grammi; se si vogliono invece dosi da 1 grammo ciascuna, basta dividere ulteriormente ogni pezzetto in tre parti uguali.

Per praticare i tagli, munirsi di un coltello con lama liscia ed affilata (od una lametta) e procedere nel taglio muovendo la lama lentamente dall'alto verso il basso, altrimenti si rischia di sbriciolare irrimediabilmente il panetto.

A questo punto, trasferire velocemente i cubetti in un contenitore di plastica a chiusura ermetica affiancandoli in un unico strato; se occorre, formare nello stesso contenitore un secondo strato di cubetti separando il primo dal secondo con un foglio di carta da forno (così non si attaccano gli uni con gli altri).

Applicare sul contenitore un’etichetta con l’indicazione della data di congelazione e trasferirlo in freezer: al momento del bisogno, prendere la dose necessaria e riposizionare subito il contenitore nel freezer per evitare che il lievito possa iniziare a scongelare.

Il lievito non deve essere scongelato prima dell’uso ma sbriciolato e sciolto subito direttamente nell'acqua.

15/10/2020
Copyright © 1994-2020 Ricetteecooking