Suggerimenti

POESIE CULINARIE

Aldo Fabrizi


UN GIORNO DA LEONE (di Aldo Fabrizi)

Quanno la cinquantina è superata,
s’ammonisce la massima attenzione,
leggero a cena, niente a colazione
e l’ottantina è quasi assicurata.

Ma oggi che se campa a la giornata,
chi la rispetta più st’ammonizione?
E’ mejo vive un giorno da leone
che trent’anni da pecora affamata.

Chi conta li bocconi e le bevute
e se controlla da mattina a sera,
finisce pè fregasse la salute.

E poi je po’ succede, sarvognuno,
che, nun sia mai, rischioppa n’antra guera,
arischia pure de morì a digiuno!


ER MEDICO M'HA DETTO (di Aldo Fabrizi)

"Commenda cari, è d’uopo che lo dica
ma l’italiano, escluso il proletario,
pappa tre volte più del necessario,
sottoponendo il cuore a ‘na fatica.

Di fame, creda, non si muore mica,
piuttosto accade tutto l’incontrario,
e chi vol diventare centenario
deve evità perfino la mollica.

Perciò m’ascolti, segua il mio dettame;
io quando siedo a tavola non m’empio
e m’alzo sempre avendo ancora fame!"

Embè quanno che ar medico ce credi,
bisogna daje retta: mò, presempio,
l’urtimo piatto me lo magno in piedi!



PASTA ALLA CAPRICCIOSELLA (di Aldo Fabrizi)

Provate a fa’ sto’ sugo, ch’è un poema:
piselli freschi, oppure surgelati,
calamaretti, funghi "cortivati",
così magnate senz’avè patema.

Pe’ fa’ li calamari c’è un sistema:
se metteno a pezzetti martajati
nell’ajo e l’ojo e bene rosolati,
so’ teneri che pareno ‘na crema.

Appresso svaporate un po’ de vino;
poi pommidoro, funghi e pisellini
insaporiti cor peperoncino.

Formaggio gnente, a la maniera antica,
fatece bavettine o spaghettiniE'
Bòn appetito e.. Dio ve benedica!


LA DIETA (di Aldo Fabrizi)

Doppo che ho rinnegato pasta e pane,
so’ dieci giorni che nun calo, eppure
resisto, soffro e seguito le cure...
me pare un anno e so’ du’ settimane!

Nemmanco dormo più le notti sane,
pe’ damme er conciabbocca a le torture,
le passo a immaginà le svojature
co’ la lingua de fòra come un cane.

Ma vale poi la pena de soffrì
lontano da ‘na tavola e ‘na sedia
pensanno che se deve da morì?

Nun è pe’ fa er fanatico romano;
però de fronte a ‘sto campà d’inedia,
mejo morì co’ la forchetta in mano!



MAGNA' E DORMI' (di Aldo Fabrizi)

So’ du’ vizietti, me diceva nonno,
che mai nessuno te li po’ levà,
perché so’ necessari pe’ campà
sin dar momento che venimo ar monno.

Er primo vizio provoca er seconno:
er sonno mette fame e fa’ magnà,
doppo magnato r’aripija sonno
poi t’arzi, magni e torni a riposà.

Insomma, la magnata e la dormita,
massimamente in una certa età,
so’ l’uniche du’ gioie de la vita.

La sola differenza è questa qui:
che pure si ciài sonno pòi magnà,
ma si ciài fame mica pòi dormì!


LA ROMANELLA (di Aldo Fabrizi)

Mì nonna, benedetta indò riposa,
se comportava come ‘na formica
e puro si avanzava ‘na mollica
l’utilizzava per un’antra cosa.

Perciò er dovere primo d’ogni sposa,
pure che costa un’oncia de fatica,
è d’esse sempre, a la maniera antica,
risparmiatrice, pratica e ingegnosa.

Si avanza un po’ de pasta, mai buttalla:
se sarta cò un po’ d’acqua solamente,
pè falla abbruscolì senz’abbrucialla.

E la riuscita de ‘sta Romanella
che fa faville e che nun costa gniente
dipenne da ‘na semplice padella.

Mò l’urtima invenzione è ‘na padella,
che quello che se còce poi se stacca,
mastice, colla, pece e ceralacca,
se rivorteno come ‘na frittella.

‘Sta novità sarà ‘na cosa bella,
ma dato che la pasta nun attacca,
in pratica sarebbe ‘na patacca
perché dev’esse mezz’abbruscatella.

Vedete, er gusto nun dipenne mica
dar fatto che diventa più odorosa,
ma dar sapore de padella antica.

E detto questo, porca la miseria,
fò a meno da la chiusa spiritosa,
perché ‘sto piatto qui è ‘na cosa seria!



ER PANE E' BONO CO'... (di Aldo Fabrizi)

Senza cita' Bruschetta e Panzanella,
e' bono in ogni tipo de spuntino,
a comincia' dar classico crostino
fatto co' buro, alice e mozzarella.

E' bono cor guanciale a Panontella,*
co' le noce, co' l'uva, intinto ar vino,
cor miele, co' la fava e 'r pecorino,
e indorato cor buro a la padella.

E' bono ner caffe', co' la ricotta,
cor gelato, l'aranci in insalata,
cor prosciutto, li fichi e la caciotta.

Co' tonno e cipolletta, cor salame,
co' le castagne, co' la cioccolata,
ma soprattutto e' bono co' la fame.

*Panunto:
pane unto col grasso del guanciale o delle braciole di maiale arrostite sulla graticola.

Gianni Rodari

IL PANE (di Gianni Rodari)

Se io facessi il fornaio, vorrei cuocere il pane
così grande da sfamare tutta, tutta la gente
che non ha da mangiare.

Un pane più grande del sole, dorato, profumato come le viole.
Un pane così verrebbero a mangiarlo dall’India e dal Chili
i poveri, i bambini, i vecchietti e gli uccellini.

Sarà una data da studiare a memoria: un giorno senza fame!
Il più bel giorno di tutta la storia.


PESCI PESCI (di Gianni Rodari)

Pescatore che vai sul mare
quanti pesci puoi pescare?

Posso pescarne una barca piena
con un tonno e una balena,

ma quel ch’io cerco nella rete
forse voi non lo sapete:

cerco le scarpe del mio bambino
che va scalzo, poverino.

Proprio oggi ne ho viste un paio
nella vetrina del calzolaio:

ma ce ne vogliono di sardine
per fare un paio di scarpine...

Poi con due calamaretti
gli faremo i legaccetti!



Porchetta


LODE ALLA PORCHETTA (di Romeo Collalti)

Pija un porchetto da poco smammato,
tenero e poco grasso, un po’ de vino,
lardo, ajo schiacciato, rosmarino,
poi sale e pepe appena macinato.

E st’ingredienti che t’ho nominato
mò deve de addopralli a quer divino:
mettete in parannanza a tavolino,
pija le frattaje e facce un bon tritato.

Schiaffato a la padella, stai a cavallo:
un po’ de lardo e, quanno che scurisce,
un ber bicchiere de vino p’allungallo.

Mucina bene e guarda co’ attenzione
che nun s’attacchi e che nun infittisca;
er mejo verrà doppo, a concrusione.

Intanto a sto’ porchetto, internamente,
inzeppa l’ajo, er rosmarino, er lardo,
lo strutto, er sale e er pepe co’ riguardo,
eppuro quer soffritto precedente.

Mò devi fa’ attenzione, ner tramente
che lo sistemi bene, e da’ ‘no sguardo
ch’er majaletto nostro, der gajardo,
fenisca in piastra senza perde gnente.

Quanno caccia er sughetto, a mano a mano,
datte da fa’: spennella ‘sto guazzetto
intorno intorno, e nun spennelli invano.

Cotto, sia callo o freddo, è appetitoso
che te lo magneressi, ce scommetto,
puro su la capoccia d’un tignoso!


Lello Lupoli

'A PIZZA (di Lello Lupoli)

Pizzaiuo', mi 'he a fa 'na pizza
muzzarella e pummarola...
Ma ll'he a fà cu 'e mmane, 'o core
e... 'a fronna 'e vasenicola.
Falla bbona!

Mana grassa a muzzarella,
miette ll'uoglio, miette 'o ssale...
Falla fà chiù arruscatella:
quanno è cotta nun fà male...
Cotta bbona!

E vullente, 'a dint' 'o furno,
nun l'he a' mettere 'int' o piatto
ca si no perde 'o sapore...
Io m' 'a piglio e a chiejo a libretto...
Quant'è bbona!

E cu famma e devuzzione
magno primma 'o curnicione...
'O profumo è sapurito!
Mentre magno sto abbuccato
p' 'o vestito.

Comme coce! E quant'è bella!
Comme fila 'a muzzarella!
Muorzo a muorzo 'haggio magnato...
Pizzaiuò he a campà cient'anne!
Pizzaiuò me so sfizziato!!!!!...


'A PASTIERA (di Lello Lupoli)

'A pastiera
Currite, giuvinò! Ce stà ‘a pastiera!"
E’ nu sciore ca sboccia a primmavera,
e con inimitabile fragranza
soddisfa primm ‘o naso,e dopp’a panza.

Pasqua senza pastiera niente vale:
è ‘a Vigilia senz’albero ‘e Natale,
è comm ‘o Ferragosto senza sole.
Guagliò,chest’è ‘a pastiera.Chi ne vuole?

Ll’ ingrediente so’ buone e genuine:
ova,ricotta,zucchero e farina
(e’ o ggrano ca mmiscato all’acqua e’ fiori
arricchisce e moltiplica i sapori).

‘E ttruove facilmente a tutte parte:
ma quanno i’ à fà l’imposto, ce vò ll’arte!
A Napule Partenope, ’a sirena,
c’a pastiera faceva pranzo e cena.

Il suo grande segreto ‘o ssai qual’è?
Stu dolce pò ghì pure annanz’ o Rre.
E difatti ce jette. Alludo a quando
il grande Re Borbone Ferdinando
fece nu’ monumento alla pastiera,
perchè facette ridere ‘a mugliera.

Mò tiene voglia e ne pruvà na’ fetta?
Fattèlla: ccà ce stà pur’ a ricetta.
A può truvà muovendo un solo dito:
te serve pe cliccà ncopp ‘ a stu sito.

Màngiat sta pastiera,e ncopp’ a posta
dimme cumm’era: aspetto na’ risposta.
Che sarà certamente: "oj mamma mia!
Chest nunn’è nu dolce: è na’ poesia!"



Trilussa



LA MADRE PANZA (di Trilussa)

Vedete quel’ometto sur cantone
che se guarda la panza e se l’alliscia
con una specie de venerazzione?
Quello è un droghiere ch’ha mischiato spesso
er zucchero còr gesso
e s’è fatta una bella posizzione.
Se chiama Checco e è un omo che je piace
d’esse lasciato in pace.
Qualunque cosa che succede ar monno
poco je preme: in fonno
nun vive che per quella
panzetta abbottatella.


E la panza j’ha preso er sopravvento
sur core e sur cervellom tant’è vero
che, quanno cerca d’esternà un pensiero
o deve espone quarche sentimento,
tiè d’occhio la trippetta e piano piano
l’attasta co’ la mano
perché l’ajuti ner raggionamento.

Quanno scoppiò la guerra l’incontrai.
Dico: - Ce semo... - Eh, - fece lui Đ me pare
che l’affare se mette male assai.
Mò stamo a la finestra, ma se poi
toccasse pure a noi?
Sarebbe un guajo! In tutte le maniere,
come italiano e come cittadino
io credo d’avè fatto er mi’ dovere.
Prova ne sia ch’ho proveduto a tutto:
ho preso l’ojo, er vino,
la pasta, li facioli, er pecorino,
er baccalà, lo strutto...

E con un’aria seria e pensierosa
aggricciò l’occhi come pe’ rivede
se nun s’era scordato quarche cosa.
Perché, Checco, è così: vô la sostanza,
e unisce sempre ne la stessa fede
la Madre Patria co’ la Madre Panza.

ACQUA E VINO (di Trilussa)

Se certe sere bevo troppo e er vino
me fa quarchiduna de le sue,
benchè sto solo me ritrovo in due
con un me stesso che me viè vicino
e muro-muro m’accompagna a casa
pe’ sfuggì da la gente ficcanasa.

Io, se capisce, rido e me la canto,
ma lui ce sforma e pe’ de più me scoccia:
- Nun senti che te gira la capoccia?
Quanno la finirai de beve tanto?
- E’ vero, - dico - ma pe’ me è una cura
contro la noja e contro la paura.

Der resto tu lo sai come me piace!
Quanno me trovo de cattivo umore
un bon goccetto m’arillegra er core,
m’empie de gioja e me ridà la pace:
nun vedo più nessuno e in quer momento
dico le cose come me la sento.

- E questo è er guajo! - dice lui - Più bevi
più te monti la testa e più discorri
e nun pensi ar pericolo che corri
quanno spiattelli quello che nun devi;
sei sincero, va be’, ma ar giorno d’oggi
come rimani se nun ciai l’appoggi?

Impara da Zi’ Checco: quello è un omo
ch’usa prudenza e se controlla in tutto:
se pensa ch’er compare è un farabutto
te dice ch’er compare è un galantuomo,
in modo ch’er medesimo pensiero
je nasce bianco e scappa fôri nero.

Tu, invece, quanno bevi co’ l’amichi,
svaghi, te butti a pesce e nun fai caso
se ce n’è quarchiduno un po’ da naso
pronto a pesà le buggere che dichi,
che magara t’approva e sotto sotto
pija l’appunti e soffia ner pancotto.

Stasera, a cena, hai detto quela favola
der Pidocchio e la Piattola in pensione:
ma te pare una bell’educazzione
de nominà ‘ste bestie proprio a tavola
senza nemmanco un occhio de riguardo
pe’ l’amichi che magneno? E’ un azzardo!

Co’ tutto che c’è sotto la morale
la porcheria rimane porcheria:
e se quarcuno de la compagnia
se sente un po’ pidocchio, resta male.
Co’ la piattola è peggio! Quanta gente
vive sur pelo e nun sapemo gnente?

Le verità so’ belle, se capisce,
ma pure in quelle ciabbisogna un freno.
Eh! Se ner monno se parlasse meno
quante cose annerebbero più lisce!
Ch’er Padreterno te la manni bona
da li discorsi fatti a la carlona!

E ammalappena er vino che ciò in testa
sfuma nell’aria e me ritrovo solo
capisco d’avè torto e me consolo
che in un’epoca nera come questa
s’incontri ancora quarche bon cristiano
che, se sto pe’ cascà, me dà una mano.


VINO BONO (di Trilussa)

Mentre bevo mezzo litro
de Frascati abbocatello,
guardo er muro der tinello
co’ le macchie de salnitro.

Guardo e penso quant’è buffa
certe vorte la natura
che combina una figura
cor salnitro e co’ la muffa.

Scopro infatti in una macchia
una spece d’animale:
pare un’aquila reale co’ la coda de cornacchia.

Là c’è un orso, qui c’è un gallo,
lupi, pecore, montoni,
e su un mucchio de cannoni
passa un diavolo a cavallo!

Ma ner fonno s’ìntravede
una donna ne la posa
de chi aspetta quarche cosa
da l’Amore e da la Fede...

Bevo er vino e guardo er muro
con un bon presentimento;
sarò sbronzo, ma me sento
più tranquillo e più sicuro.

LA STATISTICA (di Trilussa)

Sai ched'è la statistica? È na' cosa
che serve pe fà un conto in generale
de la gente che nasce, che sta male,
che more, che va in carcere e che spósa.

Ma pè me la statistica curiosa
è dove c'entra la percentuale,
pè via che, lì, la media è sempre eguale
puro co' la persona bisognosa.

Me spiego: da li conti che se fanno
seconno le statistiche d'adesso
risurta che te tocca un pollo all'anno:
e, se nun entra nelle spese tue,
t'entra ne la statistica lo stesso
perch'è c'è un antro che ne magna due.

Er compagno scompagno:
Io che conosco bene l'idee tue
so' certo che quer pollo che te magni,
se vengo giù, sarà diviso in due:
mezzo a te, mezzo a me... Semo compagni.

No, no - rispose er Gatto senza core -
io non divido gnente co' nessuno:
fo er socialista quanno sto a diggiuno,
ma quanno magno so' conservatore.



ER FISSATO DELLA DIETA (di Antonio Sergio Giganti)

E piantala da rompe i cosiddetti
e da lassatte prenne da le angosce:
"Gesummaria, nun sento più le cosce!...
Guardele quà, ridotte du’ zeppetti!"...

Tu nun magni! E questi so’ l’effetti
de la dieta che fai; le guance flosce;
sei tutto pieno de pellacce mosce...
E penzà che ‘na vorta, li spaghetti

Te li magnavi in quantità industriale,
che faceva piacere de vedètte,
e poi er ziconno, er pane, e un ber buccale

de vino bono dei castelli, a mette
tutto a posto... Mo gode lo Spezziale:
a lui l’abbacchio, a te le pillolette.


'A RIGGINA 'E NAPULE ('A PUMMAROLA) (di Alfredo De Lucia)

Ce ne stanno riggine ncopp' 'a terra,
ca fanno bene a chesta umanità
ca so' carnale e ca nun fanno 'a guerra,
ma 'a riggina cchiù ricca è chesta ccà!

Quanno 'o sole addeventa na furnace,
essa spanne 'int' 'e ccase addore e gusto,
cchiù zucosa addeventa e cchiù te piace
quanno nfoca 'a cuntrora 'o mese austo.

A Napule che regna? 'A pummarola!
Aggarba 'o maccarone e 'a mulignana,
chesta riggina 've fa cunzulà.

Quanno 'a spremmite dint' 'a cassarola
o pappea p' 'o rraù dint' 'a tiana,
pure a nu muorto fa risuscità.

Eduardo De Filippo


O 'RRAU (di Eduardo De Filippo)

O rraù ca me piace a me m’ ’o ffaceva sulo mammà.
A che n’aggio spusato a te, ne parlammo pè ne parlà.

Io nun songo difficultuso, ma luvàmmel’ ‘a miezo st’uso.
Sì, va buono: cumme vuò tu. Mò ce avéssem’ appiccecà?

Tu che dice? Chest’ ‘è rraù? E io m’ ‘o mmagno pè m’ ‘o mangià...
M’ ‘a faja dicere na parola?
Chesta è carne c’ ‘a pummarola.


Charles Boudelaire


L'AME DU VIN (di Charles Boudelaire)

Un soir, l’âme du vin chantait dans les bouteilles:
"Homme, vers toi je pousse, ô cher déshérité,
sous ma prison de verre et mes cires vermeilles,
un chant plein de lumière et de fraternité!

Je sais combien il faut, sur la colline en flame,
de peine, de sueur et de soleil cuisant
pour engendrer ma vie et pour me donner l’âme;
mais je ne serai point ingrate ni malfaisant,

car j’éprouve une joie immense quand je tombe
dansa le gosier d’un home usé par ses travaux,
et sa chaude poitrine est une douce tombe
où je me plais bien mieux que dans mes froids caveaux.

Entend-tu retentir les refrains des dimanches
et l’espoir qui gazouille en mon sein palpitant?
Les coudes sur la table et retroussant tes manches,
tu me glorifieras et tu seras content;

j’allumerai les yeux de ta femme ravie;
à ton fils je rendrai sa force et ses couleurs
et serai pour ce frêle athlète de la vie
l’huile qui raffermit les muscles des lutteurs.

En toi je tomberai, végétale ambroisie,
grain précieux jeté par l’éternel Semeur,
pour que de notre amour naisse la poésie
qui jaillira vers Dieu comme une rare fleur!"


LE VIN DU SOLITAIRE (di Charles Boudelaire)

Le regard singulier d’une femme galante
qui se glisse vers nous comme le rayon blanc
que la lune onduleuse envoie au lac tremblant,
quand elle y veut baigner sa beauté nonchalante;

le dernier sac d’écus dans les doigts d’un joueur;
un baiser libertin de la maigre Adeline;
les sons d’une musique énervante et câline,
semblable au cri lointain de l’humaine douleur,

tout cela ne vaut pas, ô bouteille profonde,
les baumes pénétrants que ta panse féconde
garde au Coeur altéré du poëte pieux;

tu lui verses l’espoir, la jeunesse et la vie,
- et l’orgueil, ce trésor de toute gueuserie,
qui nous rend tiomphants et semblables aux Dieux!

28/07/2015
Copyright © 1994-2020 Ricetteecooking