INGREDIENTI:
  • 500 g. di farina manitoba
  • 250 g. di patate lessate
  • 2 uova
  • 50 g. di zucchero + q.b. per decorare
  • 50 g. di burro
  • 100 ml. di latte
  • Un limone
  • 12 g. di lievito di birra fresco
  • Un bicchierino di Grappa (facoltativo)
  • Olio d'arachidi per friggere q.b.

CIAMBELLE FRITTE CON PATATE (GRAFFE)

Lavare le patate e lessarle in abbondante acqua fredda, quindi sbucciarle e, ancora calde, passarle con lo schiacciapatate, facendole cadere in una capiente ciotola.

Scaldare leggermente il latte e sciogliervi il lievito.

Aggiungere alle patate la farina, le uova leggermente sbattute, lo zucchero, il burro fuso, la Grappa, la buccia grattugiata del limone ed il latte tiepido con il lievito.

Lavorare l’impasto per circa un quarto d’ora, fino ad ottenere un composto morbido, consistente ed elastico.

Formare un panetto e adagiarlo nella ciotola leggermente infarinata; coprirla con della pellicola da cucina e lasciare lievitare per almeno due ore in un luogo caldo e privo di correnti d’aria (l’impasto dovrà raddoppiare di volume).

Nel frattempo, ritagliare qualche quadrato di carta forno della dimensione di circa 20 centimetri per lato e tenerlo da parte.

Trascorso il tempo di lievitazione, rovesciare l’impasto sul piano di lavoro infarinato e lavorarlo per ottenere un cilindro dal quale ricavare dei pezzetti del peso di circa 60 g. l’uno; rotearli tra i palmi delle mani leggermente infarinate (l’impasto può risultare un po’ appiccicoso) e dargli una forma tondeggiante.

Schiacciare quindi le palline e bucarle al centro, divaricando leggermente l’impasto per ottenere un buco più largo; adagiare man mano le Ciambelle così ottenute sui fogli di carta forno preparati in precedenza, proseguendo così fino ad esaurire tutto l’impasto.

Coprire le Ciambelle con un telo e lasciarle lievitare nuovamente fino al raddoppio del loro volume (occorreranno circa un paio d’ore).

Trascorso questo tempo, le Ciambelle sono pronte per essere fritte, a fuoco moderato e in abbondante olio caldo, seguendo questo procedimento: prenderle con tutta la carta forno e, capovolgendole, immergerle nell'olio; con una pinza, staccare quindi delicatamente la carta forno e proseguire nella cottura, rigirando le Ciambelle spesso per dargli una doratura omogenea (si gonfieranno molto).

Scolarle con una schiumarola e adagiarle per qualche secondo su della carta assorbente da cucina per eliminarvi l’olio in eccesso.

Passarle quindi ancora calde nello zucchero semolato, facendolo aderire abbondantemente su tutta la superficie, e servirle tiepide.



N.B:
Se non si possiede l’apposito termometro, per sapere quando l’olio raggiunge la giusta temperatura per friggere basta immergervi il manico di un mestolo di legno (o, in alternativa, uno stecchino): quando attorno si formeranno delle bollicine l’olio è pronto.

Per non abbassare la temperatura dell’olio è preferibile friggere pochi pezzi alla volta.

La carta forno posizionata singolarmente su ogni Ciambella è un piccolo espediente per facilitarne poi il loro trasferimento nell'olio senza maneggiarle troppo, evitando così il rischio di danneggiarne la lievitazione avvenuta.

Ciambelle fritte con patate (Graffe)

25/05/2009
Copyright © 1994-2021 Ricetteecooking