INGREDIENTI
(dosi per 8 persone ed una teglia del di 26-28 cm.):
  • Per la pasta:
  • 450 g. di farina manitoba
  • 3 uova + 1 tuorlo
  • 125 g. di burro
  • 50 g. di zucchero in polvere
  • 130 ml. di latte
  • 25 g. di lievito di birra
  • Per la crema pasticcera:
  • litro di latte
  • 70 g. di zucchero in polvere
  • 60 g. di farina
  • 3 tuorli d'uovo
  • Un baccello di vaniglia
  • Per la crema al burro:
  • 150 g. di burro
  • 50 g. di zucchero a velo
  • Per guarnire:
  • 50 g. di granella di zucchero
  • Zucchero a velo q.b.

TORTA TROPEZIENNE (O "SAINT-TROPEZ")

Versare in una ciotola il latte intiepidito e diluirvi il lievito; unirvi quindi un cucchiaino di zucchero, 100 g. di farina, impastare il tutto e lasciare lievitare per un ora in un ambiente tiepido.

Trascorso questo tempo, versare sul piano di lavoro la farina rimasta a fontana, sgusciarvi al centro le uova, il burro precedentemente ammorbidito a pezzetti, lo zucchero rimasto ed il panetto lievitato. Amalgamare bene gli ingredienti e lavorare per circa dieci minuti, fino ad ottenere un impasto morbido; coprire con un telo e lasciare lievitare per due ore.

Trascorso questo tempo, lavorare nuovamente l'impasto e farlo lievitare ancora per un ora.

Disporre quindi l'impasto nella teglia precedentemente foderata con carta da forno bagnata e strizzata e farla lievitare per un'ultima ora ancora.

Spennellare la superficie del dolce con un uovo sbattuto insieme ad un cucchiaio di latte e spolverizzarla quindi con la granella di zucchero. Cuocere a 180 per 30 minuti.

Nel frattempo, preparare la crema pasticcera: versare il latte in un tegamino e portarlo ad ebollizione insieme al baccello di vaniglia precedentemente inciso nel senso della lunghezza.

Intanto, sbattere in una terrina i tuorli con lo zucchero e aggiungervi poco alla volta la farina, alternandola con un mestolo di latte filtrato attraverso un colino. Cuocere la crema a fuoco basso per circa 10 minuti mescolando continuamente.

Preparare quindi la crema al burro, disponendo quest'ultimo (precedentemente ammorbidito a temperatura ambiente) in una ciotola e, con una frusta, montarlo insieme allo zucchero a velo fino ad ottenere una crema della consistenza di una pomata.

Amalgamare quindi delicatamente la crema al burro cosi' ottenuta con la crema pasticcera raffreddata.

Togliere il dolce dalla teglia e, quando e' ancora tiepido, tagliarlo a meta'; farcire la base con la crema preparata, adagiarvi quindi la calotta, spolverizzarne la superficie con dello zucchero a velo fatto cadere a pioggia da un colino e servire.

N.B.:
Conservare la crema in frigorifero fino al momento di comporre il dolce e servirlo, cosi' rimane soda. Se non piace, la crema al burro si puo' sostituire quest'ultima con 100 g. di cioccolato bianco precedentemente sciolto a bagnomaria.







Pare che il nome a questo dolce fu attribuito dalla mitica Brigitte Bardot. La storia parte dal lontano 1955, quando un certo Alexandre Micka, titolare di un panificio nella piazza centrale di St. Tropez, fu incaricato di fornire i pasti alla troupe cinematografica che proprio li' stava girando un film: il famoso "E Dio creo' la donna". Ed ogni giorno, Micka si recava sul set a portare panini, focacce ed un'apprezzatissima torta a base di crema, frutto di una ricetta della nonna che decise di realizzare per il suo negozio. Sembra che proprio Brigitte Bardot, protagonista del film, suggeri' un giorno a Micka un nome per questo delizioso dolce: "Chiamalo "Tarte St. Tropez"!". E cosi' fu

Torta Tropezienne (o Saint Tropez)

17/01/2009
Copyright © 1994-2016 Ricetteecooking